Il blog di www.copylefteratura.org

Home » Racconti brevi » Alla pagina sei

Alla pagina sei

legno tagliato pene


Il medico ha gli occhi sfuocati. Torna a concentrarsi sulla paziente giusto in tempo per cogliere le ultime parole della donna.
– “…e divento tutta dura e rigida come un fuso… anche i denti. Qualche volta mi mordo.”
Franca ha la faccia storta, il seno distratto e il sudore speziato.
Il dottore ha la faccia da culo.
– “Ma se ha delle crisi quasi ogni giorno, bisognerà rivalutare la terapia. Chi la segue in Neurologia?”
– “Il primario.”
– “Privatamente?! E quanto le prende, di grazia?”
– “Niente. E’ che mi segue fin da bambina e mi conosce bene. Basta che gli telefono in reparto e lui mi visita lo stesso.”
– “Ne è sicura? Ah… va bene. Gli telefoni allora, e in caso ci fossero problemi me lo dica che le faccio l’impegnativa per una visita con sollecitudine.”
La donna esce. Il dottore si alza e apre la finestra. Che giornata di merda.
Due settimane dopo, il medico s’aggira affannato lungo i corridoi del distretto per espletare una serie di incombenze burocratiche. La signora Franca è nella sua stanza. L’uomo entra e le consegna un pacco di fogli stanchi.
– “Ecco qua: programmata, vaccinazioni e p.i.p. C’è tutto.”
– “Grazie dottore. Sempre puntuale lei…”
– “Beh, mi sforzo” – gongola tronfio il cerusico.
Sul tavolo, il quotidiano locale è aperto alla pagina 6. L’uomo butta l’occhio e la donna l’afferra al volo prontamente: non attendeva altro. Si protende in avanti e sibila sottovoce.
– “Ha visto, dottore?”
– “Cosa?”
– “C’è anche sul giornale.”
– “Ma che?”
– “Il professor Roberti, il primario… è ricoverato in urologia.”
– “Ah, sì. Ho sentito.”
La donna mima allegramente una mannaia con la mano destra, zaccando il sonoro.
– “Eh, poveretto… era così tanto un bell’uomo.”
– “Ma com’è successo?”
– “Il vetro di una porta–finestra a casa sua, pare. O almeno così c’è scritto sul giornale.”
– “Capisco…”



(in caso di cose da dire all’autore: malosmannaja@libero.it)

Annunci