Il blog di www.copylefteratura.org

Home » 2014 » marzo

Monthly Archives: marzo 2014

Punto di non ripristino

foto barca arenata

Il giorno in cui mio figlio morì, eravamo al mare. Andrea, mio marito, si era messo a sedere comodo per contemplare una nave spiaggiata con la poppa in bella vista: aveva sempre avuto un’ossessione per le poppe nude. I figli giocavano arrampicandosi sul relitto, inclinato di 45 gradi sul fianco sinistro. All’inizio, l’odore di pesce marcio esalato dall’acqua melmosa ci aveva stordito, ma un po’ alla volta si era dissolto o forse i nostri nasi erano caduti in una sorta di stato stuporoso. (altro…)

Annunci

I prodigi del cervello umano

montagna universo

Eugenio Incompreso avanza ansimando lungo il sentiero che s’inerpica sinuoso verso la sommità del costone. Dopo le ultime settimane trascorse saltabeccando tra congressi internazionali e ospitate televisive, prendersi un po’ di respiro nel silenzio autunnale delle Dolomiti è proprio ciò di cui ha bisogno. Giunto al punto panoramico, l’ebbrezza da altitudine fomenta l’attitudine a tenere conferenze, spingendolo a rivolgersi a se stesso ad alta voce.
– “Eh… mio caro Eugenio, sarà il peso degli anni… o quello del nobel che t’hanno appioppato tra capo e collo, ma qui… eh… qui o ci si ferma un po’ e si prende fiato… o schianti.” (altro…)

Boa di parole

sub boa pozzanghera

Nuotare non le fa bene: c’è troppo tempo per pensare, tra una bracciata e l’altra. Più volte immagina di muoversi al rallentatore, fin quasi a galleggiare immobile controcorrente. Ecco, sono una boa, pensa Francesca, proprio una boa: plastica inerte, corrosa dal cloro e dal sole. Non c’è più angoscia, nessuna angoscia, solo l’innocuo sciabordio dell’acqua contro un corpo morto.
Ciò nonostante, il moto sinuoso delle onde non riesce a camuffare del tutto il serpeggiare ipnotico della memoria, che pesca a strascico dalle profondità del male portando a galla associazioni d’idee viscose quanto tentacoli di piovre giganti, pronte ad avvitarsi attorno al collo di Francesca e a soffocare il mondo. Non avrebbe mai messo in relazione una boa con il cordone ombelicale, prima.
Ma adesso è dopo.
C’è sempre un prima e un dopo. (altro…)

Centrali nucleari a pinzimonio di verduranio

CentraleNucleare pinzimonio

Nessuno ne ha parlato, ovviamente, poiché disturba gli interessi delle multinazionali dell’energia, e quindi della politica economica-finanziaria, ma nel Settembre 2013 su Science of The Total Environment, il prof. Michael Dittmar del CERN ha pubblicato lo studio “The end of cheap uranium” in cui viene calcolata la disponibilità di uranio nei prossimi decenni, dal momento che – stuporeeeee! – come il petrolio, l’uranio è una risorsa non rinnovabile.

Tenetevi forte perché c’è da farsi venire una sincope.

Il picco di estrazione (58 ± 4 tonnellate) sarà nel 2015 (sì, avete capito bene: DUEMILAQUINDICI), dopodiché l’estrazione scenderà lentamente fino al 2025 (54 ± 5 tonnellate), per crollare andando al 2030 (41 ± 5 tonnellate). (altro…)