Il blog di www.copylefteratura.org

Home » 2019

Yearly Archives: 2019

disuguaglianze

mentre i diritti civili “cosmetici” (tipo disuguaglianze di genere) vanno per la maggiore sui media – dal Papa all’UE, dai radical chic alla sinistra progressista, l’internazionale globalista è attivissima contro le diseguaglianze – la disuguaglianza sociale aumenta anno per anno.

e nessuno ne parla.

allora ve lo racconta il nano: nel 2019 i più ricchi del pianeta hanno aumentato il loro patrimonio del 25% e negli USA lo 0,1% più ricco ora possiede percentualmente più ricchezze rispetto a qualsiasi altro momento dal 1929 in poi.

Immagine

cosa accadde nel 1929? mmmm….

ebbenesì, nei libri di storia e di economia non ancora “riveduti e corretti” dalla mano del grande fratello si trovava scritto, al primo posto, tra le cause della Grande Depressione del 1929 la “ineguale distribuzione della ricchezza”.

grazie a QE et similia, forse il sistema drogato resterà in piedi ancora per un po’, ma (GB Vico docet) la storia è destinata a ripetersi. ci aspettano tempi davvero cupi…

(in caso di cose da dire all’autore: malosmannaja@libero.it)

Buon natale

in “Tempi Moderni” un povero operaio fatica ad adattarsi all’avanzamento tecnologico. l’homo sapiens sapiens 2.0 è infinitamente più adattabile.

*

è partito il conto alla rEUvescia…

brexit

Su Neobar si parlava di MES…

di cosa parlava

Ed eccoci di nuovo a parlare di economia perché, ricordiamolo, nell’economia di mercato in cui viviamo, la politica in sé e per sé non esiste: esistono le politiche economico-finanziarie. Parimenti, eccoci di nuovo a parlare di attentato alla Costituzione Italiana (…)

prosegue su Neobar

(in caso di cose da dire all’autore: malosmannaja@libero.it)

Racconto su Neobar

un nuovo racconto su Neobar

leggere sorprese2

Congelamento funebre

 

*

(in caso di cose da dire all’autore: malosmannaja@libero.it)

Prove tecniche di “socialismo” e “sovranità popolare”.

munch capitalism

 

Nel ventunesimo secolo, continuare a ragionare in termini di “destra” e di “sinistra” ostinandosi a puntellare una dicotomia ormai ridotta in macerie da terremoti politici, sociali, economici e culturali, è una forma di auto-ipnosi compassionevole.

L’ideologia liberista ha estesamente infettato e sovrascritto l’identità della sinistra storica italiana, europea e mondiale, col risultato che le menti sinistrate invece di combattere al fianco dei lavoratori e delle masse popolari, si rallegrano perché hanno una banca (come Piero Fassino) e vorrebbero togliere il voto al popolo ignorante (come Giorgio Napolitano e compagnia bella). E tale orrenda mutazione genetica non solo ha cancellato qualsiasi forma di vita intelligente da Pertini in poi, ma ha trasformato chiunque si definisca “di sinistra” in un clone benpensante pronto a inchinarsi al “giudizio dei mercati” e al monumento in onore dell’icona liberal socialista Altiero Spinelli, profeta dell’Unione Europea.

Quanta lungimiranza, come al solito, in Pier Paolo Pasolini! Basti ricordare il brano del 1975 in cui scrisse: “Io profetizzo l’epoca in cui il nuovo potere utilizzerà le vostre parole libertarie per creare un nuovo potere omologato, per creare una nuova inquisizione, per creare un nuovo conformismo. Io vi prospetto il peggiore pericolo… un nuovo regime… Tale potere si accinge di fatto ad assumere gli intellettuali come propri chierici di sinistra”

E quanta ancor maggiore lungimiranza in Sandro Pertini che nel 1949 sull’Avanti scrisse: “Ormai a tutti è noto che l’Unione Europea e gli organismi derivanti dal Piano Marshall non sono l’espressione spontanea della volontà e delle esigenze dei popoli europei, bensì sono stati artificiosamente creati con lo scopo politico di fare di un gruppo di nazioni uno schieramento in funzione antisovietica, e con lo scopo economico di fare dell’Europa occidentale un campo di sfruttamento della finanza americana.” (altro…)

terrorismo mediatico e salvadanai allo spiedo

Successful smiling business man with a piggy bank

Anche sui media più allineati, ogni tanto il lampo d’un corto circuito squarcia la cortina fumogena della narrazione dominante piena di slogan e frasette imparate a memoria. Ad esempio, gli araldi dell’oligopolio finanziario globale vi hanno ormai convinto che se tornasse la Lira chi ha un mutuo sarebbe praticamente fottuto, eh? Tutt’altro! Falso, falsissimo. In realtà, è vero l’esatto contrario.

Ecco ciò che si lascia scappare in televisione nel 2017 Salvatore Rossi, matematico, economista e banchiere, nonché Direttore Generale della Banca d’Italia dal 13 maggio 2013 al 9 maggio 2019, durante un’intervista da Giovanni Floris.

Floris – “Mi dica cosa succederebbe ai mutui che ancora dobbiamo pagare: io ho preso una casa, la sto pagando con un mutuo in Euro, compare la Lira. Che succede al mutuo?”

Rossi – “Allora, chi ha un debito, è OVVIAMENTE favorito se c’è un cambio di segno monetario e una svalutazione della nuova moneta, quindi chi ha un mutuo paga meno, la banca invece…”

Floris – “Cioè io ho preso i soldi in Euro e invece li ridò in una Lira che vale meno.”

Rossi – “Esatto, esatto, LA BANCA NO, CI RIMETTE, OVVIAMENTE…”

Dopo aver lasciato la presidenza della Banca d’Italia il 9 maggio, qualche settimana dopo Salvatore Rossi concede la seguente intervista in cui afferma:

“Quando nel 2013-14 era in discussione la direttiva BRRD ((Bank Recovery and Resolution Directive) sulla risoluzione delle crisi bancarie, la Banca d’Italia e il ministero dell’Economia ci provarono a ottenere norme più adatte… ma non potevamo contrastare una tendenza che si affermava in tutta l’Europa a guida tedesca.

D’altro canto la Germania aveva già salvato le sue banche con soldi pubblici: tanto che si potrebbe attribuire alla Germania questo pensiero: – Noi abbiamo salvato le nostre banche, adesso non diamo il permesso agli altri di salvare le loro.”

*

(in caso di cose da dire all’autore: malosmannaja@libero.it)